top of page

Disturbo Bipolare

La comprensione del disturbo bipolare è essenziale e si articola in due forme principali: tipo I e tipo II. La differenziazione si basa sui pattern specifici di alterazione dell'umore.

Il disturbo bipolare di tipo I si manifesta con un'alternanza di periodi depressivi e maniacali. Durante la fase maniacale, l'individuo esperisce un'umore eccessivamente elevato e un'iperattività, che si protrae per la maggior parte delle giornate per almeno una settimana. In questo stato, vi è una propensione a intraprendere progetti grandiosi e spesso irrealizzabili, che possono risultare dannosi.

Uno psicologo psicoterapeuta specializzato in psicoterapia psicodinamica può fornire un supporto cruciale nel trattamento di entrambi i tipi di disturbo bipolare. Tuttavia, durante un episodio maniacale, la persona tende a non riconoscere il bisogno di supporto terapeutico a causa di un eccesso di autostima e ottimismo sfrenato, che può condurre a comportamenti imprudenti e rischiosi.

Il disturbo bipolare di tipo II, in contrasto, comporta una minor disabilità. Non si accompagnano manifestazioni psicotiche severe né si rende necessaria un'ospedalizzazione. In questa variante del disturbo, gli episodi sono caratterizzati da depressione maggiore e da almeno un episodio di ipomania, che, seppur simile alla mania, si presenta in forma meno intensa e con impatti meno debilitanti sulla vita quotidiana.

Comments


bottom of page