top of page

Disturbo ossessivo - compulsivo d'Ansia e Disturbo ossessivo compulsivo di personalità

Il disturbo ossessivo compulsivo d'ansia e disturbo ossessivo compulsivo di personalità non sono sinonimi: il primo indica un funzionamento sintomatologico, il secondo indica la presenza di una personalità con specifici tratti irrigiditi.

Disturbo ossessivo - compulsivo d'Ansia

Il Disturbo ossessivo - compulsivo è caratterizzato dalla presenza di ossessioni e compulsioni. I sintomi possono esprimersi in relazione a un vissuto affettivo particolare oppure ad un evento che provoca ansia e angoscia. Ossessioni e compulsioni causano marcato disagio, fanno consumare tempo, interferiscono significativamente con le abitudini, le attività e il funzionamento relazionale, lavorativo e sociale.


Le ossessioni

Le ossessioni sono pensieri o immagini intrusivi, ricorrenti e persistenti, che causano un disagio marcato. La persona che soffre di disturbo ossessivo compulsivo riconosce che le ossessioni sono un prodotto della propria mente. Pertanto, sono vissuti, in qualche momento, come eccessivi ed irragionevoli. Il disagio causato dalle ossessioni viene parzialmente neutralizzato attraverso le compulsioni.


Le compulsioni

Esse consistono in comportamenti ripetitivi (per es. lavarsi le mani, riordinare, controllare) oppure azioni mentali (per es. pregare, contare, ripetere parole mentalmente), che la persona è obbligata a compiere secondo regole rigide, con lo scopo di neutralizzare le ossessioni, prevenire eventi temuti o annullare un contenuto, fatto, evento accaduto.


Disturbo ossessivo compulsivo di personalità


Il disturbo ossessivo compulsivo di personalità non è caratterizzato dalla presenza di ossessioni e compulsioni, ma alla presenza di tratti di personalità rigidi.


Ostinazione e Rigidità

  • Eccessiva coscienziosità e inflessibilità in tema di moralità, etica e valori

  • Definizione di standard molto elevati, rigidi, autoritari, colpevolizzanti a cui aderire

  • Rigidità sobrietà e riservatezza

Perfezionismo

  • Attenzione esasperata per dettagli, regole, ordine, organizzazione o schemi rigidi

  • Rifiuto delle novità e delle sorprese

  • Bisogno di programmi, orari stabiliti, regole, condotte ritualistiche

  • Vita concentrata sul lavoro e alla produttività a discapito degli svaghi; le attività ricreative sono vissute come una perdita di tempo

  • vive le cose piacevole come se fossero proibiti

  • troppo esigente e non sempre rispetta i propri tempi

Autocontrollo e controllo

  • Controllo dei propri contenuti interni (attività, pensieri, emozioni, affetti) e di quelli altrui

  • Riluttanza a delegare o a lavorare con altri

  • Timore di perdere il controllo ed evitamento delle emozioni

  • Avarizia e incapacità di gettare oggetti consumati o di nessun valore affettivo

  • Nasconde una parte di sé vissuta come cattiva e di cui vergognarsi

  • Controllo dell'altro (partner, collega, amico, ecc...) e della relazione

Frugalità e affettività repressa

  • Le parole non sono usate per esprimere il proprio vissuto affettivo, ma per dissimulare i sentimenti e proporre una logica amministrativa.

  • Stile nitido, scarno, puntuale, subordinato alla logica del fare

  • Evita un contatto personale profondo

  • Tono di rimprovero, impressione di aridità affettiva

  • Gli eventi di vita sono vissuti solo a livello logico, evitando un contatto profondo con il proprio vissuto affettivo

  • La rabbia deve essere gestita solo a livello del pensiero e non deve tradursi in un comportamento

  • Riporta eventi di vita senza un coinvolgimento

  • Linguaggio pieno di frasi fatte per evitare il contatto personale

Conflitto

  • Conflitto tra ordine e disordine, pulizia e sporcizia, obbedienza e ribellione, paura e colpa, rabbia per essere controllato e paura di ribellarsi

  • Sensazione di aver subito dei torti e conflitto tra l'ubbidienza e la trasgressione

  • Indecisione tra trattenere o rilasciare qualcosa

  • Conflitto tra l'affermarsi e all'aggregarsi

I sintomi ossessivi e compulsivi e i tratti caratteriali del disturbo ossessivo di personalità assumono un significato differente, persona per persona. Possono provocare sofferenza e disagio personale e relazionale e legarsi a situazioni ed eventi di vita che riguardano la moralità e/o la relazione interpersonale. La comprensione del loro significato e del trattamento necessario necessita di un lavoro psicoterapico volto a comprendere la personalità di base.





bottom of page